{Santa is coming. . . – Aspettando il Natale a casa mia!}

c2330e8fdcc11cd734d01abeb5178973[Questa e altre greeting cards qui]

Che strano Avvento che è quello di quest’anno!
Ci sono cambiamenti in corso,
tanti impegni da non lasciare il tempo per la ricerca dei regali,
tanto spirito natalizio ma poco tempo per goderselo,
e una punta di malinconia se si pensa al futuro…

Insomma, non posso dire sia un brutto periodo,
piuttosto lo definirei…strano. Ecco. Rendo l’idea?

Visto lo stato d’animo, avevo bisogno di scaldare un po’ la casa,
cosi ho iniziato ad addobbare già a fine Novembre…
e ho scelto di farlo con oggetti tradizionali,
che hanno dei significati particolari,
semplici, meglio se fatti a mano.
Piccoli pezzi di puzzle che negli anni
hanno composto il Natale della mia famiglia
e che io ho cercato di mettere insieme
in modo (quasi!) omogeneo.

Come avevo spifferato nell’ultimo post ispirazione  ,
per l’albero di Natale quest’anno ho scelto
il bianco e l’argento.
Ho usato poche decorazioni rispetto agli anni passati,
naturalmente portata al less is more
che ha fatto da fil rouge in questo 2015.

12346401_1268904263135880_1104821045097549134_n

12391359_1276942108998762_4823068043634882930_n

12376697_1276938722332434_2605270627822253483_n

Ad alcune decorazioni sono particolarmente affezionata,
mi ricordano anni speciali, persone o eventi particolari.
Altre sono frutto di una piccola tradizione:
acquistare una decorazione ogni Natale, meglio se
ad un mercatino o in negozi bellissimi come Maisons Du Monde.

c02

Altre le ho create io stessa…

12390858_1276938765665763_3671442061444335393_n

Legno, una mano di vernice e una di carta vetrata e poi
materiali da scrapbooking (adesivi, washi tapes..) 
per dare un tocco personale ed unico.

A casa mia però
l’albero di Natale si contende la scena con una tradizione
ancor più antica e bella: il presepe.

12342493_1276946932331613_8820041143646799690_n

Ognuno ha il suo compito,
c’è chi costruisce la struttura e chi decide
come posizionare i pastori.
Ed è proprio questo il bello: farlo insieme
(anche litigando su Erode si o Erode no!).
E la classica battuta rubata a De Filippo:
”T’ piace ‘o presepe??”

12360431_1276946872331619_8688998178068015717_n

c01

Anche per il presepe c’è la tradizione di acquistare ogni anno
un nuovo dettaglio, uno degli ultimi presi è proprio il gatto in foto
(che però non è per niente proporzionato agli altri personaggi!).
Insomma, non è perfetto e nemmeno pretende di esserlo…
ma è nostro, parla di noi e racconta la storia di decenni
e decenni di famiglia.
Per me non sarebbe Natale senza!

Per il resto della casa, pochi tocchi
qui e là sui camini e sulle finestre,
su qualche mensola e nelle credenze.
Niente di eccessivo,
perché le decorazioni sono solo una cornice…
la vera bellezza del Natale sono la tavola imbandita
e la famiglia che vi si riunisce intorno.

12348130_1276944098998563_8660299030935870565_n

12360078_1276944118998561_2942017001472461273_n

12360262_1276938652332441_3897555947252176625_n

12341541_1276944042331902_613936754792216112_n

12346325_1276944122331894_5578035470308055027_n

E sul balcone…tante luci,
perché Babbo Natale non dimentichi la nostra casa =)

12342341_1271044376255202_7680542734907333222_n

Nota: Non è un caso se ho evitato il mio angolo craft.
E’ vero, sembra il laboratorio di Babbo Natale per quanto è natalizio ma.. lasciatemi dire che se lo vedesse la cara Marie Kondo
mi prenderebbe a calci!

Annunci

{LA MIA SETTIMANA IN 7 SCATTI – 02/08 DICEMBRE 2013}

”Benvenuto a un pianto che commuove,
ad un cielo che promette neve,
benvenuto a chi sorride, a chi lancia sfide,
a chi scambia i suoi consigli coi tuoi…
Benvenuto a un treno verso il mare
e che arriva in tempo per Natale,
benvenuto ad un artista, alla sua passione…”

-Laura Pausini-

Benvenuto Dicembre.
Con le sue luci, i suoi camini accesi, le canzoni natalizie,
il profumo di caldarroste per la strada, coi suoi negozi pieni di persone
alla ricerca di regali, con il freddo che fa battere i denti
e le tradizioni che si rinnovano ancora una volta.
Il mio Dicembre è iniziato cosi.

Immagine

 #1
Anche quest’anno ho accelerato i tempi e
decorato il mio albero di Natale prima del previsto.
Avevo bisogno di un’atmosfera magica,
questo mese si prospetta davvero impegnativo (lavorativamente e non).
Anche quest’anno ho scelto il bianco e il rosso per addobbare la mia casa.
Il bianco è simbolo di vita e esprime fiducia: nel prossimo, nel futuro, nel mondo.
Il rosso è simbolo di energia, denota passionalità e creatività.
E’ decisamente l’abbinamento più adatto a me!

Immagine

#2
Era il 1223 quando San Francesco d’Assisi costruì il primo presepe, a Greccio.
E tutti gli anni, in tantissime case di tutto il mondo, si ripete questa bellissima tradizione.
A casa mia, ogni anno ci armiamo di carta, pinzatrice e creatività e ne
costruiamo uno diverso. Stesse casette, stessi pastori, ma ogni anno scenario diverso.
E’ una tradizione che amo molto, soprattutto perchè coinvolge tutta la famiglia!
E ogni anno mi torna in mente una famosa scena di ”Natale in casa Cupiello”… questa.

Immagine

#3
Una cosa che amo molto del Natale è
scrivere i biglietti di auguri!
A chi amo, per accompagnare un regalo.
A chi è lontano, per fare sentire il mio affetto.
A mano, con disegni o illustrazioni, personalizzati e mai scontati.
Sono solo parole? Forse.
Ma in fondo sono i piccoli gesti a far capire quanto posto abbiamo nel cuore di qualcuno, no?

Immagine

#4
Anche i regali dicono molto su quanto teniamo a una persona.
E non devono essere per forza costosi o elaborati.
A volte basta un oggetto piccolo, semplice, ma studiato, con un significato preciso.
Pensato per chi lo riceverà.
Io quest’anno ho la fortuna di essere aiutata da mia madre nei regali di Natale.
Spero che i suoi esperimenti all’uncinetto facciano felici le mie amiche!
E a proposito di uncinetto… se lo amate o volete cimentarvi o semplicemente volete ispirazioni nuove
passate sul blog Perle di cotone. Non potete assolutamente perdervelo!!!

Immagine

#5
Regalare a chi amiamo.
Ma non solo.
Questa settimana ho regalato anche alla mia parrocchia.
Ho regalato un po’ del mio tempo e ben due chili di pasta frolla glassata e decorata.
I miei biscotti, donati al mercatino dei dolci, hanno contribuito a raccogliere fondi per
le iniziative parrocchiali.
Ma di questo vi parlerò in un altro post (appena troverò il segreto per far durare le giornate almeno 36 ore!!) =)

Immagine

#6
Dicevo…la mia parrocchia.
Qui sono cresciuta, cambiata, maturata.
Qui ritorno, anche se non con la stessa costanza di una volta, e lo faccio sempre con piacere ed emozione.
Questo weekend ci sono stati i festeggiamenti per i nostri Santi Patroni, San Nicola e Santa Barbara (4 e 6 Dic).
Due figure religiose con storie molto particolari che vi invito a leggere… le trovate qui e qui.

Immagine

#7
La mia settimana finisce cosi: con una passeggiata in centro ad ammirare le luci,
finalmente accese, insieme alla mia famiglia e a chi amo.
Non si sente ancora del tutto l’atmosfera natalizia ma…è un ottimo inizio!

Con questo scatto pieno di luce e di magia,
vi auguro una buona settimana…

Lisa