{Metti un giorno di sole e il Casatiello Sugna e Pepe. . .}

<< Tu non lo sai come vorrei
ridurre tutto ad un giorno di sole…
Tu non lo sai come vorrei
saper guardare indietro senza fare sul serio…>>

[Malika Ayane]

I giorni di sole hanno ceduto il passo ai giorni di
vento e nuvoloni, ma la luce del tramonto è già quella
meravigliosa dell’estate e
anche se questo post doveva parlare del Casatiello Sugna e Pepe,
ho pensato di fare un paio di foto al volo e
aggiungere qualche ispirazione craft & decor!
Fuori dalla finestra il cielo ha appena accolto uno spicchio di luna e
l’aria fresca gonfia le mie tende bianche.
Dentro, io penso al prossimo pic nic in campagna.
Vengono fuori cosi le due moodboards di questo post.
Sospese tra la voglia di leggerezza e
il fiume di pensieri degli ultimi giorni.
Perciò non vi meravigliate se in questo post
troverete un po’ di tutto: musica, libri, cibo, idee!

04green
[Sottovaso in ceramica: Tiger – Vasetti e Segnalibro Collezione VintageBook: Lisacherealizza]

Il filo conduttore è il Verde.
Lo amo in tutte le sue sfumature ma dovendo scegliere
opterei senza dubbio per il verde mela e,
a quanto leggo qui questa preferenza indica voglia di novità!
Voi di che verde siete??

Il libro che ho scelto per questa moodboard
è una lettura recente, ambientata tra l’Inghilterra e l’India.
L’ Isola delle Farfalle  è un piacevolissimo viaggio
all’insegna del the, delle usanze orientali e dei segreti di una
benestante famiglia inglese d’altri tempi.

02green

03green

E’ una storia d’amicizia, di amori segreti,
di misteri svelati e passioni ardenti.
Quanto mi ha coinvolto questa lettura!
L’ideale per una domenica all’aperto,
su una coperta stesa sull’erba fresca, con un the freddo…

05green
[Smalto: Kiko – Rotolo di Rafia: Ikea – Targa homemade dipinta da mia madre]

La seconda moodboard che è venuta fuori
-prima che la luce sparisse e la fotocamera si spegnesse-
è più giocosa, e ha come sfondo un pezzo della mia infanzia:
Il libro della Giungla era uno dei miei fumetti preferiti,
un vero manuale per imparare a vivere come Mowgli.
Lo conservo gelosamente fra le lettere ai miei primi fidanzati
e le foto delle vacanze estive di una volta.
Guardo questa foto e mi viene una voglia di tornare bambina…..!!!!

Se per caso ho messo voglia anche a voi
di organizzare un pic nic,
vi lascio tre brani che ho nel lettore mp3 in questo periodo
e che mi fanno pensare ai pomeriggi d’estate:
1 23

Un’altra cosa bellissima da fare su un prato è lo yoga!
Una bella lezione detox  de La Scimmia Yoga
è quello che ci vuole per questo periodo!

Infine, la famosa ricettta!!
Siete pronti a prendere appunti???

{CASATIELLO SUGNA E PEPE}
perfetto con fave e pecorino o con crudo, pomodorini e mozzarella affumicata

cas02

{INGREDIENTI}

500 gr di farina 00
500 gr di farina Manitoba
200 gr di sugna
Un cucchiaino di sale
Pepe abbondante
1 cubetto di lievito di birra
Acqua tiepida q.b.
3 uova sode (facoltativo)

Il procedimento è dei più classici:
farina a fontana sulla spianatoia e all’interno tutti gli altri ingredienti
ad eccezione dell’acqua che va aggiunta poco per volta
fino all’ottenimento della giusta consistenza.
Il lievito di birra va sciolto in un po’ d’acqua fredda
prima di essere incorporato.
Quando il panetto sarà ben amalgamato e si staccherà dalle mani,
ponetelo in un recipiente capiente,
coperto da un canovaccio e da una coperta
e lasciatelo riposare in un luogo
senza correnti d’aria
fino a che non raddoppi di volume.

Quando l’impasto ha raggiunto la piena lievitazione,
ungete uno stampo a ciambella e
disponetevelo in modo omogeneo.
Lasciate da parte un po’ di impasto per
le croci che andranno sulle uova
(che noi mettiamo già sode, ma
potete usarle anche crude, a patto che le abbiate ben pulite).
L’usanza delle uova è strettamente legata alla Pasqua ma
non è affatto obbligatoria.
Coprite con un canovaccio e una coperta e
ripetete la fase di lievitazione una seconda volta,
fino a che l’impasto non sia aumentato di un terzo del suo volume.

cas01

Spennellate la superficie del casatiello con olio d’oliva
e infornate in forno statico già caldo a 200°C.
Controllate la cottura costantemente.
Il Casatiello deve risultare ben colorito in superficie
ed asciutto all’interno alla prova stuzzicadenti.

cas03

cas04

Annunci

8 thoughts on “{Metti un giorno di sole e il Casatiello Sugna e Pepe. . .}

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...