{Jesi in un weekend di pioggia e la mia ”famiglia scelta”.

”Gli amici sono la famiglia che ti scegli”

[Patch Adams]

La mia famiglia scelta (o almeno, parte di essa)
vive a Jesi, la cittadina che mi ha vista nascere
e di cui, senza rendermene davvero conto, mi porto tante cose dentro.
Quest’anno, per la prima volta, l’ho visitata come volevo. O quasi.
In passato i viaggi a Jesi erano solo cene, incontri, ritrovi
e non c’era mai tempo per visitare la città.
Stavolta -rischiando un esaurimento, visto il pochissimo tempo!-
ho incastrato tutto e in poco più di 48h
ho fatto un tuffo indietro nel tempo.
Parto a raccontarvelo da qui, dalla mia prima casa.
L’appartamento in cui ho vissuto per 4 anni,
in cui ho gattonato e cantato le prime canzoni
(Gianni Morandi e Cristina D’Avena, non so se mi spiego!),
in cui ho imparato a fare i biscotti guardando mia madre,
ho fatto il primo pupazzo di neve della mia vita
e mi sono sbucciata le ginocchia andando in bici,
in cui ho conosciuto i primi gatti anche se non sapevo ancora
che poi avrei imparato ad amarli cosi tanto.

casamiaconscritta

Tornarci è stato bello soprattutto perchè,
nonostante mancassi da molto,
il mio istinto mi ha fatto trovare la strada… sapevo esattamente dov’ero.
La mia mente ricordava perfettamente i palazzi a quell’incrocio,
anche se io non avrei mai immaginato fosse possibile.
Ho passeggiato tanto, e visto tanti angolini bellissimi di Jesi che,
secondo una leggenda, venne fondata da Esio, considerato il capostipite
degli Etruschi, dei Sabini e dei Piceni. Mica bruscolini!
Jesi ha dato i natali (oltre che a me!)
a personaggi del calibro di Giovanni Battista Pergolesi o
Federico II di Svevia e -in tempi più recenti- 
a Virna Lisi, Roberto Mancini e Valentina Vezzali, tra gli altri.

A Giovanni Battista Pergolesi,
Jesi ha riservato molti angolini della città che
passeggiando tranquillamente in centro
potete ritrovare sul vostro cammino…

j04

Anche a Federico II di Svevia, Imperatore del Sacro Romano Impero,
è stato dedicato un pezzo di città, e devo dire che è davvero suggestivo.
Piazza Federico II è uno di quei luoghi pieni di un’energia inspiegabile.
Anche in un giorno di pioggia, e deserta.

j07

j15

j14

j13

A ricordare l’Imperatore,
lungo tutta la pavimentazione della piazza,
una bellissima iscrizione.

j12

j03

La passeggiata in realtà era cominciata
da Corso Matteotti, che guida chi visita Jesi attraverso il centro storico
e permette di avere sempre un bellissimo punto di riferimento:
l’Arco Clementino.

j06

j16

j18

j05

La passeggiata per le stradine del centro storico,
con le sue vetrine e gli angolini caratteristici
è stata davvero bella… immaginate poi,
imbattersi in un negozietto cosi!

j09

Cosedité
 è un piccolo angolo di Paradiso in Terra
per chi, come me, ama il té e tutte le chincaglierie correlate.
Oltre a trovare tante miscele diverse e numerosi accessori,
in questo negozietto potrete gustare
deliziosi biscotti che vengono commissionati
appositamente a dei pasticcieri locali,
seguendo le ricette messe a punto in negozio.
Sul loro sito trovate anche molti suggerimenti
su come utilizzare il Té in cucina.
Con estrema gentilezza,
mi è stato concesso di scattare qualche foto all’interno
per darvi un’idea dell’atmosfera che vi regna.

j10

j11

Altri due negozietti che ci tengo a suggerirvi di visitare
se siete a Jesi di passaggio o se vivete lì vicino,
(non ho foto solo a causa della fretta!)
sono la bottega artigiana Luana Luminari  che prende il nome
dall’Artista (la A maiuscola non è casuale!) e
che accoglie mobili, oggettistica, vetrate artistiche
e altre meraviglie indescrivibili che DOVETE VEDERE!
White Estetica -che può sembrare
un suggerimento strano in un racconto di viaggio-
ma è la prova che con passione, pazienza e dedizione
anche noi giovani possiamo realizzare
i nostri sogni ORA e non quando avremo le rughe.
E’ il sogno realizzato di un’amica a cui sono molto affezionata
e sono felicissima di potervi suggerire qui la sua attività!

Ma veniamo al sodo: dove ho mangiato a Jesi?
Insomma, credo che un po’ lo stavate aspettando questo momento!
Ebbene, passeggiando in centro all’ora di pranzo,
l’istinto e Tripadvisor mi hanno sospinta fin sulla soglia
di un locale bello e accogliente, la Trattoria Antonietta.

j17

Potrei raccontarvi il sapore delle tagliatelle con carciofi, vongole e mazzancolle
oppure descrivervi la calda atmosfera che si respirava o
ancora parlarvi della gentilezza di chi fa vivere questo locale ma…
lascio parlare le foto dei buonissimi dolci che ho mangiato
(ovviamente non tutti da sola, capiamoci!).

j02

Come tutte le proposte di questo locale,
anche i dolci cambiano giorno per giorno,
a seconda del periodo e degli ingredienti disponibili.
Da sinistra, crema al mascarpone con amaretti croccanti,
tosta di mele & noci e crostata Nutella, castagne & nocciole.
Cosa vi devo dire di più?

Ovviamente, a rendere davvero speciale questo viaggio,
sono state le persone che ho riabbracciato,
con cui ho cenato o pranzato o semplicemente chiacchierato dopo anni.
Sono state le piccole grandi attenzioni che mi hanno riservato:
la tavola pronta per la colazione al mattino e le stampe sulle cose da vedere,
la cena con le immancabili tagliatelle e un dolce buonissimo,
la conoscenza di un nuovo membro della famiglia,
il video del matrimonio a cui non ero stata presente
e tanto altro.
L’affetto, per dirlo in una sola parola.
Un Grazie forse può sembrare banale, ma è sicuramente pieno di riconoscenza.

j01

Finisce cosi questo viaggio tra Romagna e Marche,
durato sette giorni ma raccontato in più di due mesi
[qui potete leggere di Rimini e qui di Ancona]!
Anzi, in realtà finisce con la strada del ritorno,
che attraversa il Gran Sasso innevato e mi riporta a casa…

via02

via04

via03

Ps. Prima di concludere questo racconto di viaggio,
i ricordi che mi sono portata a casa e un appunto doveroso:
di Loreto, meta fissa di ogni mio ritorno a Jesi,
vi parlerò in un’altra occasione. Merita un post tutto suo.

gift02

gif01

Ancora Grazie alla persona che ha reso possibile questa esperienza,
la mia compagna di viaggio nella gioia e nella stanchezza.
Grazie di cuore.

Annunci

One thought on “{Jesi in un weekend di pioggia e la mia ”famiglia scelta”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...