{Castagnole allo yogurt per salutare Carnevale}

<<Il mondo ipocrita non vuol dare importanza al mangiare; ma poi non si fa festa, civile o religiosa, che non si distenda la tovaglia e non si cerchi di pappare del meglio.>> -cit. Pellegrino Artusi, dal libro “La scienza in … Continua a leggere

{Il libro che mi ha insegnato a scegliere: IL MAGICO POTERE DEL RIORDINO di M. Kondo}

Avrei dovuto scrivere questo post/recensione molto tempo fa. Ve ne ho parlato in diverse occasioni, a proposito di alcuni cambiamenti avvenuti nel 2015 nella mia vita. E ci tengo a parlarne per bene perché penso che alcuni di questi siano … Continua a leggere

{ALLA SCOPERTA DELLE SPEZIE – VII – Noce Moscata}

4aa456ad701ff67ebc6dc94ff5bbb63e

Riprendo, dopo tempo immemore,
questa piccola rubrica dedicata alle spezie
e lo faccio portandovi, stavolta, in Indonesia.
Viene da lì l’albero sempreverde da cui si ricava
la nota e molto usata NOCE MOSCATA.

Myristica_fragrans_-_Köhler–s_Medizinal-Pflanzen-097

La Noce Moscata non è altro che
il frutto decorticato,
mentre la parte esterna fornisce un’altra spezia
molto usata in Oriente: il MACIS.

[D’obbligo quindi una piccola parentesi a questo proposito!
Il Macis, chiamato anche Mace o Fiore della Noce Moscata,
ha un sapore più delicato di quest’ultima,
e viene usato nel Curry, negli aceti speziati
per conservare le verdure e nel Nocino.]

Perché si chiama Noce Moscata?
La dicitura è legata alla città di Mascate (Masqat),
una delle più vecchie del Medio Oriente.
Da qui cominciò la commercializzazione di questa spezia
che ne ha cosi assunto il nome.

9e003c00230846872ef783acb228ef22

La coltivazione necessita di un clima tropicale.
La pianta viene riprodotta per talea
e a produrre le noci sono le piante femmine
(i due sessi si trovano su due piante differenti).
Si arriva alla piena produzione dopo un ventennio
di vita della pianta e ce ne vogliono 9 di anni
per avere il primo raccolto.

1d32532d5c062eb87001b82c1c400d54

In cucina si usa, grattugiata al momento,
in salse, budini, creme e puree.
E’ un ingrediente immancabile nel
ripieno di tortellini, ravioli e cannelloni
a base di carni, formaggi o verdure.
E’ perfetta per aromatizzare cocktails
e bevande alcooliche come vino caldo e punch.

0c586ef056f98106cda4e34e5ced861c

Nei secoli scorsi era considerato un
ingrediente afrodisiaco
e per via dei suoi effetti allucinogeni
si è guadagnato l’appellativo di
”stupefacente dei poveri”.
Nella medicina tradizionale la noce moscata
viene usata per le sue proprietà antimicotiche,
antidepressive e digestive.
Inoltre, aiuta il fegato e i reni
nell’eliminazione delle tossine.
Infine, favorisce il buon sonno
se assunta in piccole dosi!

Due piatti in cui per me non può assolutamente mancare?
Il gateau di patate (come potrei vivere senza?)…

…e le patate gratinate!
Come prepararle?

{PATATE GRATINATE}

Basta sbollentare in acqua salata le patate
dopo averle sbucciate e tagliate a fette non troppo sottili.
Disporle in una teglia,
alternando uno strato di patate ed uno di besciamella
che avrete preparato con
5 dl di latte, 50gr di farina00, 50 gr di burro e sale e noce moscata q.b.
Ad ogni strato, aggiungete del parmigiano grattugiato
e della paprika dolce.
Il tempo di gratinarle e…sono pronte per essere servite!

{ISPIRAZIONI A TEMA #30 – El Principito}

Ecco il mio segreto. E’ molto semplice:
Non si vede bene che con il cuore.
L’essenziale e’ invisibile agli occhi.

-Antoine de Saint Exupery-

1426201_1293824550643851_3824613124554291071_n

Quante volte l’avete letta o sentita questa frase?
In questo periodo è un tormentone,
complice l’uscita al cinema de
Il piccolo Principe
che fin’ora è stato solo carta stampata e tanta immaginazione.
E’ una delle più rappresentative di questo libro,
però non è la mia preferita.
Quella a cui sono più affezionata è:

Certo che ti farò del male. Certo che me ne farai. Certo che ce ne faremo.
Ma questa è la condizione stessa dell’esistenza.
Farsi primavera, significa accettare il rischio dell’inverno.
Farsi presenza, significa accettare il rischio dell’assenza.

Per chi non l’avesse ancora mai letto,
Il Piccolo Principe
è un viaggio;
una favola;
una filosofia di vita.

1918910_1293824293977210_8381207842270294405_n

E’ quel libro da regalare alle persone che si amano,
la  lettura che si vuole fare dopo una giornata difficile,
la storia che tutti sogniamo
senza renderci conto che tutti l’abbiamo vissuta
almeno una volta nella vita.
Qualcuno nei panni del Principino, qualcuno della volpe.

12509729_1293824887310484_1728309699451081243_n

Prima di lasciarvi alle fotoispirazioni
trovate qui e là su Pinterest
ci tenevo a ringraziare Valeria.
Perché è stata lei a farmi scoprire, tanti anni fa,
questo piccolo ma fondamentale pezzo della mia vita.
Grazie.

10402570_1293825117310461_3042376935545653583_n

10366240_1293824690643837_5899906882337609175_n

12400826_1293824610643845_239475944060354311_n

12509679_1293824980643808_8748133332709893741_n

10646658_1293825127310460_3898822726772206300_n

5e9e1731a167934e368f9c9a0c240174

1382317_1293824393977200_1715396145204666932_n

12417701_1293824783977161_5408774958458351393_n

10556430_1293824600643846_8359612196401761068_n

11214173_1293824823977157_5616067843115937151_n

12400969_1293824857310487_5999737171569736979_n

11215169_1293824837310489_9133724216735670839_n

1531616_1293824330643873_7743826359407940061_n

64469_1293824650643841_2489387799762477707_n

12494818_1293824677310505_1687331503494012986_n

12507330_1293824567310516_237046117343490583_n

10354235_1293824313977208_5617877550716053883_n

1170902_1293825167310456_5502085922567262484_n

1917916_1293825080643798_4448843921344782113_n

12507685_1293824983977141_181268455381354660_n

535326_1293824433977196_843020452007812776_n

12472243_1293825077310465_6820416085851873819_n

12400967_1293824427310530_655176206154275761_n

1924036_1293824710643835_5067377869760424999_n

12507213_1293825187310454_4561985314726405920_n

12509503_1293824583977181_2525277422544678647_n

1916946_1293824747310498_2931821399070481402_n

12510303_1293824473977192_9104463116153630638_n

12400766_1293824373977202_1712742149252894186_n

1426230_1293825093977130_1168361929308222846_n

12400429_1293824757310497_9101619534399412531_n

12508995_1293824277310545_971929067642030035_n

10368221_1293824890643817_830558960394948367_n

12510289_1293825030643803_6226756172154702510_n

1929954_1293824760643830_8142935920977751962_n

10365913_1293824253977214_8107899879915676752_n

12509518_1293824267310546_6686148570686550010_n

Libri in cucina: i miei fantastic 4!

A ogni essere umano è stata donata una grande virtù: la capacità di scegliere.
Chi non la utilizza, la trasforma in una maledizione

– e altri sceglieranno per lui.

cit. Paulo Coelho

Scegliere non è sempre semplice,
nonostante la nostra vita ci imponga di scegliere
decine, se non centinaia di volte ogni giorno.
Non tutte le scelte si fanno in una frazione di secondo,
come accade per ”Cosa vuoi mangiare a pranzo?”.
Scegliere poi cosa lasciare e cosa tenere,
è un compito ancor più arduo.
Ci proviamo alla fine di ogni anno,
a scegliere cosa portare con noi e cosa invece
lasciare nell’anno vecchio,
ma quanti di noi possono dire di essere riusciti
a lasciarsi davvero alle spalle quelle cose
(e persone e situazioni) ?
A volte ci blocca la paura di aver bisogno di quella cosa in futuro,
altre volte la convinzione di non poter vivere senza.
E cosi ci trasciniamo borse piene di oggetti inutili,
relazioni piene di problemi irrisolvibili,
abitudini che ci fanno stare più male che bene.

Nel 2015 ho fatto tante scelte.
Importanti, intendo.
Ho scelto di tenere.
E ho scelto di lasciar andare.
Ho scelto di restare, e anche di andar via.
E il criterio che ho usato per fare queste scelte
-le grandi come le piccole-
nel modo più convinto, sereno e utile possibile
me l’ha insegnato un libro.
Da quando ho imparato a leggere,
i libri mi hanno insegnato tantissime cose.
Su me stessa, sugli altri, sul mondo.
Anche quelli che credevo non potessero darmi nulla, lo hanno fatto.
Del libro che mi ha insegnato a scegliere
parlerò in uno dei prossimi post.
In questo voglio parlarvi dei libri che io ho scelto.
Per la mia cucina.

In tutte le cucine ci sono volumi di ricette,
regalati e/o ereditati da mamme e nonne.
E nella mia ne ho di ogni tipo,
comprese enciclopedie e riviste del settore.
Tra questi, ce ne sono alcuni che ho scelto
e che inevitabilmente, per questo,
consulto più spesso e con più entusiasmo.
Perché sono affini al mio modo di vivere, di sentire.
Ecco, vorrei parlarvi di queste scelte.

12523920_1293752670651039_3855689144170736597_n

Inizio col dire che li ho scelti a pelle.
D’istinto.
Li ho toccati, sfogliati, annusati.
Mi sono lasciata rapire dai colori, dalla luce, dalle fotografie,
dalle parole, dai caratteri.
E ognuno di essi mi porta il ricordo di un posto,
di un momento preciso della mia vita.

12510376_1293752713984368_5744308703636460163_n

Di Sigrid Verbert vi ho parlato nel precedente post,
ma ne approfitto per rimandarvi anche alla sua
pagina Fb.
Regali Golosi è un ricettario perfetto per chi ama regalare
ciò che prepara nella propria cucina ed è organizzato e sviluppato
in modo pulito e semplice ma non per questo meno creativo!
Diario Italiano invece è un viaggio, in lungo e in largo per l’Italia,
molto personale ma che lascia spazio a chi legge;
è un collage di luoghi, sapori, dettagli,
una finestra aperta su un panorama
vasto, vario e meraviglioso.
Come spesso mi capita anche con i libri di lettura,
sono questi due libri ad aver scelto me in realtà,
prima che io scegliessi loro.

12509605_1293752747317698_1106194440292516445_n

Dolcezze di Rossella Guarracino
è per chi senza Napoli non saprebbe stare.
Lo sfogli e
tra una ricetta (divise per periodi dell’anno)
e una poesia,
ti sembra di camminare pei vicoletti,
col profumo delle graffe calde e
appena ‘mpruscinate* nello zucchero.

*(ripassate -questo termine dialettale
mi fa morir dal ridere, che devo fa’?)

940997_1293752883984351_9091510693566487872_n

Non è un semplice libro di ricette
ma un piccolo scrigno di cultura partenopea!
Ogni volta che lo apro
vengono fuori i ricordi dei tanti momenti,
belli e meno belli, che ho vissuto a Napoli
in questi anni.
Napoli mi ha vista crescere,
mi ha fatta innamorare,
mi ha snervata come poche città sanno fare.
Questo libro l’ho comprato lì,
in una soleggiata giornata d’autunno,
durante la fiera del cake design.

Ultimo di questa serie è
Un anno in Romagna,
realizzato da due amiche: Cristina Casadei e Nicole Poggi,
con l’aiuto di Gianluca Camporesi.
Ed è semplicemente splendido.

12509341_1293752797317693_7620318845659940406_n

Ero alla libreria Ambasciatori a Bologna
e questo libro mi strizzava l’occhiolino
in mezzo ad altre centinaia di volumi, di cucina e non.
Ci siamo riconosciuti.
L’ho preso fra le mani almeno dieci volte,
sono anche tornata indietro a posarlo,
dicendomi che no, non potevo comprare un altro libro
durante quel viaggio
(già al Libraccio avevo dato fondo al portafogli!)
ma niente, non ne ha voluto sapere di mollarmi.
Cosi l’ho preso. D’istinto.
E non me ne sono affatto pentita.

12509091_1293752910651015_7645032954912299030_n

E’ uno di quei libri che sa di famiglia,
di amicizia,
di amore per le tradizioni.
Tutte cose che nella mia vita hanno un posto d’onore.
Ed è realizzato davvero bene,
sfogliarlo sorseggiando un calice di rosso
davanti al caminetto
è diventato il mio passatempo invernale preferito!
Attraverso le 4 stagioni
si leggono vite, storie, dettagli
che ci fanno apprezzare ancor di più anche le nostre di vite, di storie.
E’ meraviglioso scoprire che c’è qualcun’altro
che come noi
respira tutta la bellezza del mondo
soltanto annusando un fiore.
La felicità è fatta di cose piccole.
Come un libro di cucina.

 

Chocolate Cookies per calze piene d’amore!

Che lo vogliate ammettere o meno, nessuno, nemmeno a settant’anni, smette di aspettare la Befana. Tutti l’aspettiamo, chi per i dolci, chi per avere un’altra scusa per un regalo, chi solo per lo sfizio di trovare la calza piena di qualcosa … Continua a leggere

{Ad un passo dal 2016…}

<<Davanti a questa pagina bianca…>> -cit. Elisa <<Lasciami il tuo silenzio, spegni la voce, le luci accese… grazie.>> -cit. Gianna Nannini <<Mi tengo certi brividi alla schiena perchè fermarli non ne val la pena Mi tengo pure una ferita aperta. Di … Continua a leggere

{Benvenuto Inverno!}

La vita del cristallo,
l’architettura del fiocco di neve, il fuoco del gelo,
l’anima del raggio di sole.
La frizzante aria invernale è piena di queste cose.

-John Burroughs-

Aprendo WordPress oggi, una notifica mi ha strappato un sorriso:
131 persone seguono questo angolino di web.
E per me sono tantissime!!
Ad ognuno di voi un grazie e una promessa:
essere costante negli aggiornamenti nel prossimo anno!
Ho tanti contenuti da condividere,
tanti post già scritti,
tanto entusiasmo e progetti per questo blog!

Intanto,
ho per voi quella che è diventata una piccola tradizione:
la TO DO LIST di questa stagione
da stampare e compilare!

PicMonkey Collage

Io la mia l’ho già riempita all’inverosimile!
Come ho cominciato questo nuovo Inverno?
Con i mercatini natalizi!
Quest’anno non li avevo cercati,
ma sono stati loro a trovare me.
Ci ho pensato un po’ su prima di accettare,
per diversi motivi… ma nessuno valeva tanto
quanto la mia voglia di creare e di
incontrare altre persone che amassero l’artigianato.
E cosi…

12373395_1279977405361899_8069674926935090529_n

12395454_1281651458527827_1952270748_n

1060661_1281651451861161_467723504_n

12404548_1281651471861159_1887681452_n

12395432_1281651788527794_687793830_n

12404142_1281651311861175_159445484_n

12431783_1281651721861134_1872666506_n

E soprattutto, ho realizzato un sogno. . .
ho conosciuto un Minion! =)

1918683_1279977342028572_2176914193177073596_n

Da qui, per ora è tutto.
La mia pausa caffé sta per terminare e
la corsa ai regali
(e all’abito per un matrimonio d’inverno)
mi sta per risucchiare di nuovo!

A chiunque passi di qui…
Buone feste!!!

{Santa is coming. . . – Aspettando il Natale a casa mia!}

c2330e8fdcc11cd734d01abeb5178973[Questa e altre greeting cards qui]

Che strano Avvento che è quello di quest’anno!
Ci sono cambiamenti in corso,
tanti impegni da non lasciare il tempo per la ricerca dei regali,
tanto spirito natalizio ma poco tempo per goderselo,
e una punta di malinconia se si pensa al futuro…

Insomma, non posso dire sia un brutto periodo,
piuttosto lo definirei…strano. Ecco. Rendo l’idea?

Visto lo stato d’animo, avevo bisogno di scaldare un po’ la casa,
cosi ho iniziato ad addobbare già a fine Novembre…
e ho scelto di farlo con oggetti tradizionali,
che hanno dei significati particolari,
semplici, meglio se fatti a mano.
Piccoli pezzi di puzzle che negli anni
hanno composto il Natale della mia famiglia
e che io ho cercato di mettere insieme
in modo (quasi!) omogeneo.

Come avevo spifferato nell’ultimo post ispirazione  ,
per l’albero di Natale quest’anno ho scelto
il bianco e l’argento.
Ho usato poche decorazioni rispetto agli anni passati,
naturalmente portata al less is more
che ha fatto da fil rouge in questo 2015.

12346401_1268904263135880_1104821045097549134_n

12391359_1276942108998762_4823068043634882930_n

12376697_1276938722332434_2605270627822253483_n

Ad alcune decorazioni sono particolarmente affezionata,
mi ricordano anni speciali, persone o eventi particolari.
Altre sono frutto di una piccola tradizione:
acquistare una decorazione ogni Natale, meglio se
ad un mercatino o in negozi bellissimi come Maisons Du Monde.

c02

Altre le ho create io stessa…

12390858_1276938765665763_3671442061444335393_n

Legno, una mano di vernice e una di carta vetrata e poi
materiali da scrapbooking (adesivi, washi tapes..) 
per dare un tocco personale ed unico.

A casa mia però
l’albero di Natale si contende la scena con una tradizione
ancor più antica e bella: il presepe.

12342493_1276946932331613_8820041143646799690_n

Ognuno ha il suo compito,
c’è chi costruisce la struttura e chi decide
come posizionare i pastori.
Ed è proprio questo il bello: farlo insieme
(anche litigando su Erode si o Erode no!).
E la classica battuta rubata a De Filippo:
”T’ piace ‘o presepe??”

12360431_1276946872331619_8688998178068015717_n

c01

Anche per il presepe c’è la tradizione di acquistare ogni anno
un nuovo dettaglio, uno degli ultimi presi è proprio il gatto in foto
(che però non è per niente proporzionato agli altri personaggi!).
Insomma, non è perfetto e nemmeno pretende di esserlo…
ma è nostro, parla di noi e racconta la storia di decenni
e decenni di famiglia.
Per me non sarebbe Natale senza!

Per il resto della casa, pochi tocchi
qui e là sui camini e sulle finestre,
su qualche mensola e nelle credenze.
Niente di eccessivo,
perché le decorazioni sono solo una cornice…
la vera bellezza del Natale sono la tavola imbandita
e la famiglia che vi si riunisce intorno.

12348130_1276944098998563_8660299030935870565_n

12360078_1276944118998561_2942017001472461273_n

12360262_1276938652332441_3897555947252176625_n

12341541_1276944042331902_613936754792216112_n

12346325_1276944122331894_5578035470308055027_n

E sul balcone…tante luci,
perché Babbo Natale non dimentichi la nostra casa =)

12342341_1271044376255202_7680542734907333222_n

Nota: Non è un caso se ho evitato il mio angolo craft.
E’ vero, sembra il laboratorio di Babbo Natale per quanto è natalizio ma.. lasciatemi dire che se lo vedesse la cara Marie Kondo
mi prenderebbe a calci!

{ISPIRAZIONI A TEMA #29 – BLANCO Y PLATA}

<<Quelle stelle che nel Nord, nelle notti chiare, sono lacrime ghiacciate tra miliardi di altre, la via lattea di gennaio come caramelle d’argento, veli di gelo nell’immobilità, che lampeggiano, pulsando al ritmo lento del tempo e del sangue dell’universo.>> – … Continua a leggere